In questo articolo vedremo come le persone vengono influenzate dal colore e perché è importante applicare la psicologia del colore al nostro marketing e alla nostra comunicazione.
Analizzeremo singolarmente i colori primari e secondari vedendo che emozioni suscitano e come vengono utilizzati all’interno del marketing e della comunicazione.

Psicologia del colore: un po’ di numeri.

Lo so i numeri non piacciono praticamente a nessuno, ma sono utili per capire quanto effettivamente il colore è importante nella comunicazione, quindi seguimi, vedrai sarà breve, efficace e indolore.
Iniziamo con un dato che già da solo è un buon motivo per iniziare a pensare al colore come una vera e propria strategia di marketing.
L’ 84,7% dei consumatori citano il colore come ragione primaria del loro acquisto.
E parlando nello specifico di acquisti: il 93% comprano in base al colore e solo il 6% guarda alla consistenza del prodotto.
Guardando invece più in generale le persone tendono a farsi un’idea di un brand, o di un ambiente in solo 90 secondi e il 77% si creano una propria opinione basata solamente sul colore e sullo sguardo. Pensiamo ad esempio ad un sito, chiediti a questo punto: “Quanto è importante che i colori del sito e del brand trasmettano esattamente l’emozione che vuoi comunicare?”
A questo punto i numeri sono finiti e la risposta è in lettere: TANTO!
Adesso entriamo nel vivo e vediamo come puoi utilizzare ogni singolo colore per una comunicazione più efficace.
Alla fine di questo articolo potrai scaricare anche delle slide riassuntive con le caratteristiche principali dei colori che potrai sempre tenerti a portata di mano ogni volta che progetterai la tua comunicazione.

Rosso.

Il rosso è per eccellenza il colore dell’amore e della passione, pensiamo ad esempio alla rosa rossa e al suo significato. Evoca emozioni molto forti e va usato con cautela perché se da una parte simboleggia l’amore dall’altra è anche il colore del sangue e se usato nel modo sbagliato può suscitare esattamente il sentimento opposto. Per esempio, se ti dovessi trovare in una stanza con le pareti rosse avresti come la sensazione che le pareti si stessero restringendo, e questo ti susciterebbe sicuramente sentimenti di paura e disagio e non di certo amore.
Vediamo ora come il rosso viene usato nel marketing e nella comunicazione.
Il rosso stimola la sensazione di fame e quindi viene utilizzato molto spesso nel campo della ristorazione proprio per incoraggiare l’appetito (il blu, che vedremo dopo, ha esattamente l’effetto opposto)
Nello shopping invece crea una sensazione di urgenza e acquisto impulsivo, pensa alla gigantesca scritta SALDI che in certi periodi dell’anno trovi appiccicata ovunque, è vero o no che in quel periodo finisci per comprare sempre cose che non ti servono? E puntualmente arrivi a casa e ti chiedi che cosa diamine te ne farai di quella cosa? That’s the point!
Qui sotto ti metto alcuni brand che utilizzano il rosso, prova ad osservarli e a capire la motivazione della loro scelta sulla base di quello che hai appena letto, questo esercizio visivo ti aiuterà a capire bene la comunicazione del brand attraverso il colore, e ti spingerà ad osservare di più anche quando passeggi per le vetrine del centro.

logo mc donald’s
  • Facebook
  • Pinterest
logo netflix
  • Facebook
  • Pinterest
logo coca cola
  • Facebook
  • Pinterest
logo hm
  • Facebook
  • Pinterest

Giallo.

Il giallo è un colore che esprime estrema positività e ottimismo, è il colore del sole in fondo, e cosa c’è che mette più allegria di una bella giornata di sole? Stimola moltissimo il nostro cervello e i processi mentali e incoraggia la comunicazione. Bisogna però utilizzarlo con parsimonia perché stanca gli occhi, quindi non è consigliato nel caso in cui l’utente debba guardare la pagina a lungo come ad esempio nel background di un blogpost.
Lo so, questa cosa ti farà ridere, ma gli studi hanno dimostrato che il giallo tende a far piangere i bambini, quindi se sei nel campo della prima infanzia ti sconsiglio vivamente di utilizzare il giallo come colore predominante, nonostante a sua capacità di trasmettere allegria.
Nel marketing viene utilizzato principalmente per attirare l’attenzione verso la vetrina di un negozio oppure per trasmettere chiarezza e trasparenza.
Ecco alcuni brand che utilizzano il giallo.

logo nikon
  • Facebook
  • Pinterest
logo postit
  • Facebook
  • Pinterest
logo eni
  • Facebook
  • Pinterest
logo national geografic
  • Facebook
  • Pinterest

Blu.

Il blu è per eccellenza il colore della tranquillità della calma e della pace interiore, è legato all’acqua e al cielo e questo fa si che le persone lo percepiscano come una costante. Ma attenzione però, è pur sempre un colore freddo, quindi non crea quel senso di tepore e vicinanza dato invece dal colore caldo. Il blu incrementa la produttività e per questo è il colore che si predilige all’interno di uffici o spazi di lavoro.
Nel marketing è il colore delle aziende, viene utilizzato per brochure aziendali, presentazioni e materiale interno. Viene usato spesso nei brand aziendali perché comunica produttività e un senso di fiducia nel brand ma senza risultare troppo invasivo.
Ecco alcuni brand che hanno scelto il blu come colore aziendale, guarda un po’, c’è anche il familiarissimo Facebook, riesci ad analizzarne il motivo? Sicuramente ha a che fare con la fiducia, daresti mai i tuoi dati personale ad una persona di cui non ti fidi?

significato del logo facebook
  • Facebook
  • Pinterest
logo oral b
  • Facebook
  • Pinterest
logo ford
  • Facebook
  • Pinterest
logo allianz assicurazioni
  • Facebook
  • Pinterest

Arancione.

Il colore della creatività, dell’entusiasmo, trasmette sensazioni positive e buonumore ed è simbolo di altruismo ed empatia. Legato anche a messaggi positivi come l’apertura verso il mondo esterno e il progresso.
Nel marketing inutile dire che aiuta ad instaurare un rapporto di fiducia e confidenza con il brand proprio grazie a questa sua caratteristica di apertura.
Essendo vicino al rosso anche l’arancione spinge moltissimo la fase di acquisto impulsivo, ed è il colore migliore da utilizzare nelle call to action: pulsante compra, iscriviti ecc.
Attenzione però perché quest’ultima cosa che ti ho detto ti farà già gridare alla svolta, se il tuo brand non prevede l’arancione, anzi, prevede colori che cozzano totalmente, non metterti a tappezzare il sito di bottoni arancioni, per altro questo non ti aiuterà in ogni caso.
Usalo responsabilmente!
Ecco alcuni brand che hanno scelto l’arancione.

logo aranciata fanta
  • Facebook
  • Pinterest
logo amazon significato
  • Facebook
  • Pinterest
logo firefox vecchio
  • Facebook
  • Pinterest
logo wind
  • Facebook
  • Pinterest

Verde.

Il verde è il colore della natura ed esprime, fermezza, costanza e resistenza al cambiamento proprio come un albero secolare, trasmette tranquillità ed è associato all’equilibrio e ai soldi. Rappresenta i valori saldi di orgoglio, pazienza e speranza. Attenzione però perché questo colore è estremamente voltafaccia infatti, se da un lato evoca i sentimenti positivi che hai appena letto, dall’altro lato ci sono ancora persone che vedono i soldi in negativo e quindi percepiscono nel verde un senso di viscidità, invidia e corruzione. Quindi se decidi di optare per il verde tieni in considerazione entrambi gli aspetti.
Nel marketing è associato ad esempio all’ healthy food, tutto ciò che è naturale e sano. Oppure per evocare qualcosa di specifico come per esempio il logo della Monster, è verde perché di fatto se ti faccio pensare ad un mostro te lo immagini verde, ci scommetto! Quindi il colore si può usare anche per associazione con il nome, ovviamente se poi tutto torna anche con il resto.

logo monster energy verde
  • Facebook
  • Pinterest
logo android robot verde
  • Facebook
  • Pinterest
logo trattori john deere
  • Facebook
  • Pinterest
logo starbucks coffee
  • Facebook
  • Pinterest

Viola.

Il viola è il colore in assoluto più vicino alla spiritualità, è legato al sogno alla metamorfosi e alla fantasia. Rappresenta in tutto e per tutto la regalità, tutti i re e le regine indossano sempre qualcosa di viola nelle loro vesti ufficiali fatte di mantelli e corone. Simbolo di lusso ed eleganza si lega ai valori del rispetto, della serietà e della pacatezza, della saggezza e della generosità.
Nel mondo dello spettacolo questo colore non viene mai utilizzato per scaramanzia, perché in passato era legato al periodo di quaresima nel quale non si potevano fare spettacoli e rappresentazioni pubbliche lasciando così gli attori senza lavoro.
Nel marketing viene spesso utilizzato nel beauty e soprattutto nelle creme ani-age, chi non vorrebbe arrivare a 1000 anni come la regina Elisabetta?
Rappresenta un brand saggio, creativo e regale. A dirti la verità in Italia viene usato poco proprio per questo pregiudizio che abbiamo di regalità = spocchia, ovviamente non vero. Tu non la vorresti mangiare una bella tavoletta Wonka triplo cioccolato? Io sì!
Ecco qui i brand che utilizzano il viola.

logo willie wonka
  • Facebook
  • Pinterest
logo new york university
  • Facebook
  • Pinterest
logo yahoo
  • Facebook
  • Pinterest
logo milka cioccolata
  • Facebook
  • Pinterest

Consigli.

Dopo questo infinito flusso di informazioni sul colore voglio lasciarti solo qualche consiglio su come utilizzarli senza andare nel panico e senza rischiare di sembrare arlecchino.
– Se hai già un brand sbizzarrisciti e utilizza queste strategie di colore nella tua comunicazione e nel tuo advertising, senza però allontanarti dai colori del tuo brand.
– Se devi costruire il tuo brand parti prima di tutto da quello che vuoi comunicare e dall’emozione che vuoi trasmettere, mai dal ‘per cosa si usa’.
Esempio: l’arancione è ottimo per le call to action è vero, ma se non rappresenta te e quello che vuoi comunicare difficilmente funzionerà.

Se questo articolo ti è piaciuto ho preparato un regalo per te. Dal form qui sotto puoi scaricare delle slide riassuntive sulle caratteristiche di ogni colore da sfogliare ogni volta che vuoi e un A4 stampabile da tenerti sotto mano quando stai progettando la tua comunicazione.

  • Facebook
  • Pinterest